16.01.19

#winterhero - Filippo Bulla

Passando i giorni festivi in famiglia, comunque pasturando ogni giorno, decido di concedermi un paio di notti dalla barca in uno spot parecchio complesso. Fondo disastrato e colmo di ostacoli è spesso sinonimo di presenza di pesce, viste le grandissime quantità di cibo che può possedere. Mi affido a delle Link Mainline “self made” dal diametro generoso in quanto vorrei evitare che i piccoli pesci rimangano ferrati all’amo provocando disturbo alle carpe. Può essere un azzardo non da poco visto il periodo invernale, ma dopo un’attenta valutazione comprendo che sia meglio percorrere questa strada. Decido di evitare di rilanciare frequentemente le canne, causando disturbo, a causa di piccoli pesci allamati piuttosto di pescare con piccoli inneschi favorendo l’ingestione di questi da parte delle carpe. Raggiungo lo spot per le 23 ma per il forte vento decido solo di pasturare con qualche palla di Groundbait Link per poi pescare appena si sarà calmato. Il mattino alle 8:30 il vento si calma, calo le canne e dopo qualche manciata di minuti ho già il pesce in canna! Combattimento tranquillo causato dall’apatia dei pesci a causa della temperatura dell’acqua che si aggira attorno a 5/6 gradi. Dopo pochi istanti porto a guadino una bella regina del fiume Po estratta da rami e massi grazie allo Snag Leader 50 lb e un metro abbondante di Durakord 65 lb, terminale parecchio “impegnativo”: Kamo 50 lb e Wide Gape XX n.2. In queste condizioni è estremamente necessario che le ultime decine di centimetri di lenza siano estremamente robusti ed è essenziale che non si usi alcun tipo di leadcore, visto l’elevato peso specifico, preferendo filati tipo il Durakord. Leader del genere, avendo un fondo parecchio disastrato, sono necessari per tenere le lenze in tensione per far si che ci venga segnalato il minimo spostamento della zavorra in quanto il minimo movimento di questa possa incagliare il nostro terminale sul fondo. Il sole scalda l’aria ma la temperatura raggiunge solo 3 gradi e decido di rilanciare le canne. La canna appena lanciata in 12 metri di profondità inizia a muoversi e dopo pochi secondi una partenza fulminea mi fa sobbalzare dal lettino. Passano pochi minuti e una regina notevolmente più grande mi fa urlare di gioia. Poco meno di 18 kg, preziosa come oro. Grazie grande fiume.

Archivio NotizieARCHIVIO NOTIZIE

ARCHIVE