30.08.16

Un fiume di ricordi - Filippo Bulla

In un periodo particolarmente difficile per il grande fiume a causa delle pessime condizioni delle sue acque, causa temperature elevate, mi trovo tra le braccia questa vecchia specchi. Dopo aver pasturato la zona per un paio di giorni con poche boilies self made concentrate in un determinato spot verso le 21 sono sul fiume a calare le canne. Oltre 250 grammi di piombo Grippa, Hybrid Lead Clip, Durakord 60 lb e Widegape XX n4 costruiscono la mia strategia per affrontare queste poche ore.
Sveglia alle 4 per controllare e ricalare le canne e cerco di prendere sonno. La sveglia suona ed io rilancio le mie due canne tra gli innumerevoli salti di carpe lungo tutto il tratto di fiume e proprio questi salti sullo spot pasturato mi fanno ben sperare. Un paio di ore dopo il deciso urlare del mio Delkim mi porta il cuore il gola e subito sulla barca per il combattimento. In pochi minuti il pesce è nel guadino e con piacevole sorpresa comprendo che quel pesce sia già stato ben altre due volte tra le mie mani. Una vecchia specchi dai colori impressionanti testimonia la volontà di sopravvivere di questo trascurato e flagellato Grande Fiume.
Ciò trasmette speranza, ciò dona la forza a chi utilizza ogni mezzo a sua disposizione per salvare queste acque. Continuerò a catturare le carpe di questo Fiume perché come loro nessuna cattura mai sarà in grado di farmi tremare le ginocchia.
Grazie Grande Fiume.

2013

Stessa carpa nel 2016

Archivio NotizieARCHIVIO NOTIZIE

ARCHIVE