29.12.16

Tra lavoro e pesca, un fiume di emozioni - Andrea Tenani

E’ cominciato tutto da bambino quando mio padre mi portava con sé a pesca, insegnandomi a legare i primi ami e ora mi trovo qui dopo molti anni ad affrontare nuovamente questo fiume che attraversa la meravigliosa città di Ferrara, importante collegamento tra Po e Volano.
Ho optato per un approccio di lungo periodo, un po’ per la vicinanza del mio lavoro allo spot, caratteristica che mi consente di pasturare con regolarità senza dover percorrere chilometri e chiaramente per la proficuità dello spot che riserva senza ombra di dubbio incredibili sorprese!
Per la pasturazione ho scelto le mitiche Spicy Crab di Mainline, preventivamente trattate con il Multi-Stim, i diametri che ho scelto sono: 16, 20 e 25mm mischiati tutti assieme in modo da garantire una migliore eterogeneità. Pasturo circa 2kg di boilies al giorno sparsi in diversi spot (almeno 6 o 7) in modo da avere la possibilità di alternarli in base a temperatura e periodo, con le Tiger invece cerco di pasturare più a larga scala in modo da mantenere il pesce su tutta la zona.
Opto per inneschi di dimensioni importanti, come singola affondante del 25mm, singola bilanciata del 22mm o omino di neve 25/22mm, questo per cercare di tenere lontane le grosse breme affamate e per sviare a problemi di ingarbugliamento dovuti a tentativi di aspirazione di quest’ultime.
A causa dell’abbondante presenza di ostacoli sommersi, è consigliabile l’utilizzo di attrezzatura “extreme”, nulla deve essere lasciato al caso, dalla canna all’amo poiché in questo spot ogni partenza potrebbe rivelarsi essere il sogno di una vita… Mi affido perciò a Korda, con i suoi materiali versatili e performanti!
Imbobino i miei mulinelli con il nuovo CarpLine 0.43 mm tenace, robusto e affondante, seguito dallo Snag leader XT 0.65 e per finire con un Hybrid leader montato con piombo a perdere in modo da evitare spiacevoli inconvenienti!! Utilizzo poi un terminale classico, montando un amo Krank X n.4 ed un Kable Leadcore da 30lb, adoro gli ami della serie Krank poiché garantiscono un allamata precisa utilizzandoli con estrema facilità senza l’ausilio di anellini o guaine termo restringenti.
Dopo avervi illustrato la mia attrezzatura, possiamo ora passare al racconto di un’avventura durata un paio di giorni in riva al mio fiume…

La nuova CarpLine - il monofilo preferito di Andrea Tenani.

Il fascino del fiume...

E’ una convenzionale giornata di lavoro, il mio sguardo cade compulsivamente sull’orologio, sono le 17.00 e manca ancora un’ora alla libertà, quella libertà di correre verso il fiume ed incominciare quella tanto aspettata sessione… Il mio pensiero è già lì, penso a dove calare, a come pasturare ed addirittura a come fotografare quella tanto sognata baffona! Immerso nei pensieri il tempo vola, guardo l’orologio e sono già le 18 e 3 minuti, senza pensarci due volte saluto tutti, chiudo il negozio e salto in macchina!
Comincio subito a montare la tenda, è buio ed inizia a piovere, con estrema velocità preparo gli inneschi e lancio con precisione nei miei spot. A questo punto decido di sedermi comodo a gustare una buonissima birra preparando gli inneschi destinati alla notte, quando tutto ad un tratto:biiiiiiiip!! È partita, ferro e mi accorgo fin da subito di aver allamato un pesce di taglia superiore alla media, con un’esplosione di potenza cerca di liberarsi nei pressi di un palo di legno, sento lo Snag Leader sfregare ma con una buona dose di fortuna la carpa cambia traiettoria ed entra facilmente nel guadino, è una splendida regina di fiume. Dopo averla riposta con cura nel carpsack, torno in tenda e mi godo una buona cena seguita da una dormita sognando la prossima partenza…La notte passa con tranquillità, il mio sonno viene disturbato solamente da qualche bip causato da pesce di disturbo, come il resto della giornata seguente… Non demordo e continuo la pasturazione durante la giornata, verso sera precisamente all’imbrunire, l’avvisatore canta finalmente e una piccola carpetta decide di farmi visita nel sottosponda, la rilascio in velocità poiché mi rendo conto che il momento è arrivato, noto una buona presenza di movimenti sullo spot e mi affretto a rilanciare l’innesco. Dopo pochi minuti un'altra carpa cade sul mio inganno, la taglia è maggiore e mi diverto nel combattimento, durante la notte catturo poi un buon numero di carpe, tutte tra i 5 e i 7kg…
La mattina seguente controllo i terminali e rilancio tutte le canne effettuando una buona pasturazione a base di Spicy Crab e Banoffee…Il pesce non da segni di attività quindi mi butto nel lettino e riposo aspettando l’imbrunire… L’urlo del Delkim mi sveglia di soprassalto, esco scalzo e ferro, la frizione gira lenta e il mio sorriso aumenta proporzionalmente alle testate che sento sul calcio della canna, riesco tranquillamente a portare la carpa a guadino e mentre mi fermo ad ammirare la sua maestosità parte la canna di sinistra, ferro prontamente con una mano e con l'altra mi affretto a mettere la carpa precedentemente guadinata nel carp sack, per fortuna in quel momento è arrivato mio padre e come tanti anni addietro ci trovammo nuovamente a combattere insieme due splendidi pesci...A questo punto decidiamo di cenare contenti nell’attesa di un'altra cattura.
Durante la notte tutto tace, decido di svegliarmi alle 6 per dare una leggera rinfrescata alla pastura e proprio in quel momento una partenza lenta e costante attira la mia attenzione, ferro e inizia un altro bellissimo combattimento contornato da brividi di freddo e scosse adrenaliniche, emozioni uniche trasmesse dai fantastici pesci di queste acque… Aspetto un paio di ore per le foto di rito e mi rendo conto che anche questa sessione è terminata… Arrivederci e a presto, grazie fiume tutti ti dobbiamo tanto…

ANDREA TENANI

Una delle combinazioni vincenti: Spicy Crab + Pineapple Pop Up

Tutti i sforzi ricompensati! Un pesce meraviglioso...

Archivio NotizieARCHIVIO NOTIZIE

ARCHIVE