04.04.18

Prima volta a Šmartinsko Jezero - Nicolò Aguggiaro

Tutto è successo molto in fretta, forse troppo in fretta, però si sà che quando la voglia di pescare è tanta non si fanno molti calcoli prima di partire, a costo di arrivare alla destinazione scelta, in condizioni sfavorevoli...

Devo approfittare per forza del week-end di Pasqua per ritagliare la mia sessione di 3 notti e 4 giorni. La scelta cade su di un lago nuovo per me: Šmartinsko, in Slovenia.
Cerco di racimolare quante più informazioni possibili per cercare di non trovarmi impreparato una volta lì. Parto da casa già carico e con l’idea di che tipologia di pesca adottare ben in testa. Mi rendo conto, una volta arrivato, del clima di questi giorni, un clima molto variabile, con continue piogge e schiarite, a tratti ventoso.
Appena arrivato nel lago parlo con dei carpisti del posto. Mi accolgono dicendomi che fino a poche settimane fa nevicava e che era davvero dura catturare in queste condizioni. Monto gommone ed ecoscandaglio, l’acqua è a 7.5 gradi, decisamente fredda.

Devo trovare qualcosa per far incuriosire il pesce, una sorta di caramella! Lago nuovo per me, perché non provare 2 tipi di pesca completamente differenti? Una canna preparata con tutto quello che mi era stato consigliato di utilizzare: inneschi generosi, e un “pò” di boilies da pastura attorno all’innesco. Per questa tecnica la mia scelta ricade sulle (ormai indispensabili) Spicy Crab di Mainline, sia intere che tagliate a metà con il Kutter, l’innesco bilanciato da 22 mm della medesima linea sarà montato su un Kurv Shank XX n4 legato con Dark Matter 30lb.
L’altra canna invece, preparata con un Chod rig e come innesco una pop-up Essential IB sempre di Mainline. Il tutto accompagnato da un piccolo stick in PVA con al suo interno il Groundbait Belachan Black bagnato con del Belachan Stick Mix Liquid.

Calo le canne e dopo 20 minuti la canna con il Chod parte all’impazzata. Non credo ai miei occhi, ferro e il pesce c’è! Porto a guadino una piccola specchi, la mia prima carpa di Šmartinsko. Felicissimo procedo con le foto di rito e rilascio della carpa.
Rilancio subito la canna.

Per i successivi 4 giorni però, i miei due Delkim non hanno più emesso alcun bip. In tutto il lago sono usciti pochissimi pesci durante tutta la settimana, forse 3.
L’amarezza è tanta ma c’è anche la consapevolezza di essere stato uno dei 3 ragazzi fortunati a fotografare una carpa durante un periodo così difficile!

Caro Šmartinsko, alla prossima, sono sicuro che avrò la mia rivincita!

Archivio NotizieARCHIVIO NOTIZIE

ARCHIVE